Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso clicca su 'Maggiori informazioni'. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie.

I corsi in programma

I perscorsi del progetto sapere digitale

 

I corsi in programma per il progetto "Sapere digitale. Educazione civica digitale in biblioteca" 2019-2020
(Altri corsi verranno comunicati entro dicembre 2019)

 

Rivoluzione Digitale

a cura del Centro Nexa del Politecnico di Torino

Docenti:Juan Carlos De Martin (Co-direttore Centro NEXA - Politecnico di Torino), Antonio Santangelo (Politecnico di Torino),  Antonio Vetrò (Politecnico di Torino)

Date del corso

Lunedì 14 ottobre 2019 9.00-18.00
Lunedì 21 ottobre 2019 9.00-18.00
Lunedì 28 ottobre 2019 9.00-18.00

Sede del corso
Biblioteca Civica Centrale, Via della Cittadella 5, Torino

 

Programma sintetico. Cosa significa rivoluzione digitale? Cosa comporta? Quali strumenti sono necessari per affrontare la rivoluzione digitale con spirito critico e coglierne le potenzialità? Questo laboratorio offre le conoscenze per comprendere la rivoluzione digitale e gli strumenti per affrontarla con spirito critico e per coglierne le potenzialità. Inizia sviluppando la consapevolezza della relazione tra società e sviluppi tecnologici. In particolare, guardando alla storia delle tecnologie della comunicazione, estrae in maniera partecipativa alcune lezioni fondamentali per comprendere e affrontare la rivoluzione digitale. Poi offre gli elementi per acquisire una comprensione di base del computer e di Internet. Infine costruisce una mappa per orientarsi nel mondo digitale in cui viviamo: opportunità, rischi e tendenze future.
Tre giornate consecutive da 8 ore ciascuna 

Programma dettagliato:

 14 ottobre 2019 (ore 9.00 - 18.00) - Docente: prof. Juan Carlos De Martin

  • Il concetto di rivoluzione digitale
  • Il rapporto tra informatica e società
  • Tecnologia e comunicazione: dalla scrittura al computer

21 ottobre  2019 (ore 9.00 - 18.00) - Docente: dott. Antonio Santangelo

  • Storia, principi e architettura di Internet e del Web
  • Parole per capire il mondo digitale
  • La Dichiarazione dei diritti in Internet

28 ottobre  2019 (ore 9.00 - 18.00) - Docente: ing. Antonio Vetrò

  • Le radici del computer: il calcolatore universale, da Leibniz a Turing
  • I calcolatori elettronici: breve storia e fattori determinanti nella loro evoluzione
  • Che cos’è una macchina intelligente

 

venerdì 8 novembre 2019

Imparare con i (video)giochi:serious games, game jams e gamification

Sede del corso
Biblioteca MoviMente
Piazzale le XII Maggio 1944, 8 - Movicentro adiacente alla stazione Ferroviaria 
Chivasso

Orario
9.00/13.00

Docente: Matteo Uggeri

Programma sintetico. Siamo certo tutti stanchi di sentire che ‘i ragazzi non fanno altro che giocare’ con smartphone, tablet, computer, console. L’offerta ludica è in effetti immensa, variegata, di qualità diversissima e investe molti piani della vita di adulti e ragazzi, non ultimo quello dell’apprendimento.
L’intervento formativo qui proposto è volto a mostrare esempi di applicazioni didattiche di giochi e soprattutto videogiochi, esplorando sia le modalità con cui i cosiddetti giochi mainstream (ossia i giochi ‘comuni’ pensati essenzialmente per finalità di entertainment) possono essere inseriti in percorsi che uniscono il divertimento all’apprendimento, sia esempi di giochi specificamente realizzati per l’insegnamento di determinate discipline, pratiche o competenze.
Verranno inoltre mostrate, esplorate e parzialmente esperite dai partecipanti le potenzialità di entrare nei meccanismi alla base della progettazione dei giochi, tramite formati di laboratori coinvolgenti e proattivi: game storm e game jam. In tal senso, la sfida è quella di utilizzare la tecnologia per esprimersi attraverso i videogiochi, che in tal modo possono divenire un potentissimo mezzo espressivo, comunicativo ma soprattutto formativo.
Una sessione unica di 4 ore

 

2 dicembre 2019

Facile dire fake news

a cura di Valigia Blu

Sede del corso
Biblioteca Archimede
Piazza Campidoglio 50, Settimo Torinese

Orario
9.30/18.30

Docente: Angelo Romano

Facile dire fake news. Guida alla disinformazione e cosa possiamo fare per migliorare il nostro ecosistema informativo
Definita dal Collins Dictionary parola dell’anno del 2017, “Fake News” è uno dei termini più utilizzati per parlare in realtà di fenomeni molto diversi tra di loro: errori giornalistici, bufale, teorie complottiste, contenuti satirici decontestualizzati e utilizzati come fonti giornalistiche, la diffusione di notizie non verificate, la propaganda politica, le informazioni false lanciate da siti messi on line per generare profitti dal click-baiting. Per questo motivo, Claire Wardle, studiosa di News Literacy, ha proposto di andare oltre la parola “fake news” e di cominciare a capire e spiegare come funziona il cosiddetto “ecosistema della disinformazione” e descrivere la complessità dei diversi tipi di misinformazione (la condivisione involontaria di informazioni false) e disinformazione (la deliberata creazione e condivisione di informazioni note per essere false).
Come ha dichiarato Thomas Boll, docente della scuola di giornalismo Newhouse alla Syracuse University, «l’alfabetizzazione ai media dovrebbe diventare parte integrante dei corsi di educazione civica, che ogni cittadino dovrebbe essere chiamato a frequentare. L’obiettivo di questi progetti dovrebbe essere fare della mente e del cervello uno strumento di verifica dei fatti». Ognuno di noi è infatti un media ed è fondamentale oggi informarsi con consapevolezza e maturare un approccio critico alle informazioni.
Durante le ore di lezione ci si concentrerà su 3 punti dell’ecosistema dell’informazione, saranno presentati e analizzati con i partecipanti casi specifici, saranno mostrati e poi utilizzati in esercitazioni alcuni strumenti per poter verificare quel che troviamo in Rete quando facciamo delle ricerche online: 

  • Conoscere la grammatica delle fake news, distinguendo tra le diverse tipologie dei contenuti creati e condivisi
  • Conoscere le motivazioni di chi crea questi contenuti
  • Conoscere le modalità attraverso le quali tali contenuti vengono disseminati

Un giornata formativa di 8 ore

 

martedì 14 gennaio 2020

La notizia, tutta da ricostruire

a cura di Associazione Pop Journalism

Sede del Corso
Biblioteca di Avigliana

Via IV novembre, 19, 10051 Avigliana TO
Orario
10.00-17.00
 

Docenti: Paolo Piacenza e Alessandro Cappai

Programma sintetico.Il giornalismo può essere un metodo per tutti per ricostruire un approccio serio, fattuale e onesto alla lettura e al dibattito pubblico sulla realtà. È infatti indubbio che i media – in particolare il giornale di carta – abbiano perso la loro funzione di intermediazione esclusiva con l’attualità, per effetto della disintermediazione digitale e della perdita di peso sociale della “forma giornale”. Ma è altrettanto vero che, proprio grazie alla disintermediazione, si è diffuso nel pubblico l’utilizzo di strumenti propri dell’attività giornalistica (il debunking digitale, la lotta alle fake news, l’approfondimento, il citizen journalism ecc) anche se non sempre in modo corretto. C’è l'esigenza crescente, soprattutto tra i giovani, di ricostruire un contesto informativo trasparente e condiviso, ancorché pluralista,  basato su notizie verificate, a cui riteniamo che ogni cittadino possa contribuire
Una sessione unica di 8 ore

lunedì 27 gennaio 2020
Social Media in biblioteca

Sede del corso
Biblioteca Archimede
Piazza Campidoglio 50, Settimo Torinese

Orario
9.30/18.30

Docente: Donata Columbro


Programma sintetico. Il workshop servirà a fornire  ai partecipanti le conoscenze fondamentali per raggiungere l'autonomia nell'uso dei social media per la comunicazione del proprio lavoro in biblioteca, con un focus su Facebook. Gli argomenti che verranno affrontati: Come cambia la comunicazione oggi e i dati per capire il contesto; una panoramica delle piattaforme e buone pratiche dal mondo per ispirazioni sui contenuti; come creare un piano editoriale per i social media; focus Facebook: le pagine, i gruppi e i profili; i contenuti per coinvolgere; come usare bene gli eventi.
Una giornata formativa di 8 ore

3 e 10 febbraio 2020

Il digital content management per uno storytelling integrato degli eventi e delle esperienze 

Sede del corso
Biblioteca Archimede
Piazza Campidoglio 50, Settimo Torinese

Orario 
9.30/18.30

Docente: Umberto Mosca

  • I principi della rivoluzione digitale: intelligenza collettiva, cultura partecipativa, convergenza tra vecchi e nuovi media, distribuzione multicanale
  • La documentazione digitale delle attività e delle esperienze 
  • Modelli e formati per la presentazione dal vivo e la comunicazione digitale 
  • Come costruire "storie" quotidiane e post "a coda lunga"
  • Conoscere alcune app per la produzione dei contenuti 
  • La scelta dei format a seconda del canale social che si intende utilizzare 
  • Tecniche di convergenza tra i diversi social media 
  • Progettare e gestire la produzione di contenuti "user generated" realizzati all'interno e all'esterno della Biblioteca 
  • La costruzione del piano editoriale 
  • Tecniche di web analytics

Due giornate intere 

 

10 marzo 2020

The Wikimedia way: costruire percorsi formativi con il sapere libero in biblioteca e a scuola

Sede del corso
Biblioteca Archimede
Piazza Campidoglio 50, Settimo Torinese

Orario
9.30/18.30

Il corso è realizzato in collaborazione con Wikimedia Italia
Docente: Luigi Catalani, Coordinatore nazionale Wikimedia italia per l'area didattica

 

Programma sintetico. I progetti Wikimedia sono l'ambiente ideale per lo sviluppo di percorsi di educazione civica digitale da realizzare in biblioteca e a scuola. Il corso fornirà ai partecipanti le informazioni e gli strumenti necessari per progettare attività che prevedano la messa in pratica delle competenze informative digitali e la produzione collaborativa di risorse educative aperte. Dopo una rapida panoramica delle diverse piattaforme e della loro dimensione formativa, i partecipanti faranno i primi passi in Wikipedia e produrranno alcune bozze progettuali sulla base degli schoolkit realizzati da Wikimedia Italia e della condivisione di buone pratiche condotte nelle biblioteche e nelle scuole italiane.

  • Sessione mattutina (4 ore): introduzione ai progetti Wikimedia (2 ore), registrazione e primi passi in Wikipedia (2 ore)
  • Sessione pomeridiana (4 ore): schoolkit e buone pratiche (2 ore), progettazione di gruppo e discussione (2 ore)

Una giornata formativa di 8 ore

 

30 marzo 2020

Doppio workshop: fact-checking e data-journalism

Sede del corso
Biblioteca Archimede
Piazza Campidoglio 50, Settimo Torinese

Fact-checking

Orario mattina
9.00-13.00

Docente: Nicola Bruno

La ricerca, l'analisi e la verifica delle fonti digitali rappresenta una sfida fondamentale per chiunque si occupi di informazione. A partire dalle tante "rivoluzioni" che hanno attraversato il mondo dei media negli ultimi 20 anni, il workshop prenderà in esame come sonocambiate le tipologie di fonti e quali sono i nuovi attori arrivati sulla scena: dal citizen journalism al boom dei social media, passando per la cosiddetta era "post-verità" e l'arrivo dell'intelligenza artificiale. Verranno presentate le principali tecniche e gli strumenti più efficaci per la verifica delle fonti digitali. Il workshop si concluderà con una esercitazione in cui si potranno testare le proprie competenze su documenti digitali emersi durante casi di recente attualità. 
Una sessione di 4 ore

 

Data-journalism: raccontare storie (vere) con i dati
Orario pomeriggio
14.30- 18.30

Docente: Raffaele Mastrolonardo

In un contesto digitale in cui non sempre la buona informazione riesce ad emergere. I dati sono una risorsa utile per chiunque voglia produrre e condividere contenuti autorevoli e basati sui fatti. In questo incontro i partecipanti verranno a conoscenza di alcuni principi, tecniche e strumenti impiegati nel cosiddetto data-journalism (giornalismo basato sui dati) che possono essere efficacemente utilizzati anche in altri ambiti informativi. Il tutto, illustrato attraverso esempi concreti tratti dal panorama italiano e internazionale e dimostrazioni pratiche. 
Una sessione di 4 ore

E' possibile iscriversi a un singolo workshop ma raccomadiamo vivamente la partecipazione all'intera giornata formativa

 

7 aprile 2020 - Parole O_Stili

Biblioteca Archimede, Sala Levi, Piazza Campidoglio, 50 Settimo Torinese

Orario
17.00/19.00

Presentazione dei libri nati dall’esperienza di Parole O Stili, Parole Piumate e Penso Parlo Posto con la partecipazione degli autori (in presenza e via Skype) e di un rappresentante e formatore dell’Associazione Parole O Stili

 

8 aprile 2020

Parole O_Stili

Sede del corso
Biblioteca Civica Don Milani
Via dei Pioppi, 43 Torino Torino

Orari
Mattina 9.30-13.30 Corso livello base
Pomeriggio 15.00-18.00 Corso di approfondimento

a cura dell’Associazione Parole O_Stili

Corso base (al mattino): 

  • Presentazione del progetto Parole O_Stili e del Manifesto della comunicazione non ostile 
  • Descrizione della situazione di contesto: numeri, principali problematiche, racconto di storie vere 
  • Spiegazione dell’entità del fenomeno dell'ostilità in rete, degli aspetti psicologici e di contesto che inducono l’uso di linguaggio ostile: il ruolo delle emozioni, le false convinzioni sui social media, il ruolo distorsivo degli algoritmi 
  • Parte dedicata ai 10 principi del Manifesto della comunicazione non ostile: ogni principio verrà commentato e discusso con esempi ed approfondimenti. 
  • Lavoro per gruppi sulla responsabilità individuale e collettiva sui social media 

Corso di approfondimento (al pomeriggio): 

  • Breve riassunto del corso base (per dare la possibilità a chi ha partecipato al percorso avviato con la biblioteca di ricordare i temi trattati) 
  • Presentazione dell’attuale situazione di contesto 
  • Approfondimento degli argomenti affrontati durante il corso base con esempi aggiuntivi. 
  • Racconto dei lavori svolti dall’associazione nell’ambito educativo, delle schede didattiche con un focus su un approccio pratico, utile a chi lavora con ragazzi 
  • Parte dedicata alla pratica dove verranno offerte idee concrete e materiali per affrontare il tema e realizzare dei lavori con i ragazzi 
  • 1 ora di workshop

 DDue corsi di 3 ore di approfondimento (nella stessa giornata) per 30/40 partecipanti

 

17 aprile 2020

APPrendere digitale
La letteratura digitale per bambini e ragazzi. Conquistare lettori con app e ebook di qualità

Sede del corso
Biblioteca Civica Costantino Nigra, Piazza Ottinetti 30 - Ivrea
Orario del corso
15.00/18.00
 

Docente: Giulia Natale

Programma sintetico. Il corso ha lo scopo di introdurre ai contenuti digitali ideati per i bambini e offre gli strumenti necessari per riconoscere un prodotto di qualità tra le migliaia presenti negli store. Attraverso un’ampia e approfondita panoramica tra APP e EBOOK, si scoprirà perché un prodotto digitale ben strutturato, finemente illustrato e progettato pensando davvero ai bambini, può essere molto di più di un semplice gioco divertente.
Una sessione unica  di 3 ore

29 maggio 2020
 
Modelli documentari nel Web dei dati
 
Sede del corso
Archivio Storico Olivetti
Via Miniere, 31 Ivrea
Orario del corso
10.00/17.00
 
Docenti
Chiara Faggiolani, Università La Sapienza Roma
Lorenzo Verna, ricercatore indipendente
Maurizio Vivarelli, Università degli Studi di Torino
 
 
Programma sintetico. Il corso ha per oggetto i nuovi modelli di rappresentazione della conoscenza in ambiente digitale. Secondo questa prospettiva in primo luogo verranno prese in esame le caratteristiche principali delle funzioni del catalogo (cataloghi arricchiti, cataloghi “sociali”, discovery tools, Linked Open Data), tenendo conto delle linee generali di evoluzione del Web, dei processi di “datificazione” in corso, delle trasformazioni dei paradigmi delle discipline documentarie classiche. Successivamente verranno introdotti e trattati i big data, la loro definizione, le diverse metodologie di analisi e di utilizzo. Infine si darà conto delle caratteristiche generale del machine learning, cioè dell’apprendimento automatico delle macchine, con particolare riferimento alle relazioni con la linguistica computazionale ed alla network science.
Prima parte
Rappresentazione e comunicazione dei documenti nel Web dei dati, Maurizio Vivarelli
Seconda parte Introduzione ai big data, Chiara Faggiolani
Terza parte Verso il futuro: machine learning ed intelligenza artificiale, Lorenzo Verna
Durata complessiva: 6 ore

 

La giornata formativa sarà arricchita dalla visita guidata alla mostra permanente dell’Archivio Storico Olivetti
 
Per saperne di più:
INFO
www.bibliotearchimede.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Referente del progetto: Augusta Giovannoli
Cell 3386636069
 
Con il sostegno di Regione Piemonte - Settore Biblioteche e Compagnia di San Paolo - Bando "I luoghi della Cultura 2019"